PEREGRINATE L’ISOLA CON UN RADIOTASSI

Il Radiotassì di Zacinto vi propone una conoscenza differente dell’isola.

 Usate un tassì con aria condizionata! Chiamete il nostro centro telefinoco al numero 26950 48400 e prenotate un tassì, se avete la voglia di realizzare comodamente, una delle 4 escursioni seguenti.

Osservate un po’i percorsi, la tappe, la durata (approssimativa) e il costo. Dividete forse il costo, con due amici. Rimarrete soddisfatti da questa esperienza. Ogni gita potrebbe durare di più se lo desiderate, calcolando il suo costo per 35 - 40 Euro all'ora.

UNA GITA BREVE (CASTELLO - DINTORNI DELLA CITTA)

Mpochali Zakynthos

DURATA: 45’
TAPPE: 1 (0,15’)
COSTO: 40€ per ora

ZAKYNTHOS TOWN -> KRYONERI -> AKROTIRI -> TSILIVI -> BOHALI -> GAITANI -> CIESA DI ST DIONYSIOS -> ZAKYNTHOS TOWN.

In questa gita trascorriamo la costa orientale della città, lungo il mare e arriveremo alla meravigliosa località di Krioneri con la chiesetta della Madonna Krioneritissa del XVIII secolo.

Dopo saliamo sulla collina di Akrotiri, piena di oliveti e fra pochi minuti godiamo il panorama splendido della baia di Cilivi. In seguito attraverso giardini fragranti e oliveti, ci indirizziamo verso il sobborgo di Bocali. Qui ci fermiamo per circa 10 – 15 minuti per godere la veduta stupenda, indimenticabile verso la città e il mare. Poi passiamo davanti al castello e attraversiamo il villaggio di Gaitani. Alla fine, entrati in città dal lato occidentale, passiamo dalla chiesa di San Dionisio e finiamo alla piazza di Solomos.

 


Akrotiri ZakynthosMpochali  Zakynthos

GITA MEDIA (1) (ZACINTO CENTRALE - VILLAGGI DI CAMPAGNA)

DURATA: 2 ore e 30’
TAPPE: 4 (1 ora)
COSTO: 40€ per ora
Se visitate il museo della storia natural ci vogliono almeno ci vuole più tempo.

CITTA DI ZANTE -> BOHALI -> CILIVI -> ANO GERAKARI -> ALYKANAS -> ALYKES -> CATASTARI -> PIGADAKIA -> KALLITHEA -> SCULICADO -> SANTA MARINA -> AGIOI PANTES -> FIOLITI -> LAGADAKIA -> VOUGIATO -> MACHERADO -> MONASTERO DI ELEFTHEROTRIAS -> CITTA DI ZANTE.

Si tratta di un percorso che attraversa parecchi villaggi di campagna, oggettivamente incantevoli! Questa gita inizia dalla città di Zante e trascorre la strada pittoresca verso il famoso sobborgo di Bocali, che sovrasta la città. Qui facciamo una sosta di 15 minuti per ammirare il panorama splendido. Probabilmente il punto più attraente dell’ isola! Fra un po’ scendendo le pendici della collina boscosa di Acrotiri. vediamo davanti a noi la spiaggia cosmopolita di Cilivi.

Mpochali Zakynthos

Attraversiamo tutta questa zona turistica e andando verso il nord, poco dopo saliamo sul villagio di Ano Gherakari, costruito sulla cima di una collina su cui domina la chiesa di "San Nicola" del 1590. Da qui si gode per 15 minuti la veduta straordinaria verso la campagna dell’isola. La strada sulla base della collina si separa. A destra ci porta ad Alikes.

Gerakario Zakynthos

Alikes è un villaggio litorale con una spiaggia di condizioni ottime e installazioni turistiche. Il suo nome in greco significa saline. Infatti potete vedere la vasche con l’acqua salata da cui ricavano il sale. Ora facciamo la salita verso Catastari il villaggio più popoloso dell’isola. Ecco nella piazza la nuova chiesa parrocchiale della  "Madonna Catastara" in cui si conservano opere d’arte di diverse chiese  della zona, prima del terremoto del 1953. Uscendo da Catastari, seguiamo un percorso il quale trascorre alcuni borghi, pittoreschi, sulla radice del monte Vrachionas, nominati "villaggi di Risa".

Il primo fra questi è Pigadakia con la chiesa di "Santa Varvara" in cui si matengono tesori d’arte ecclesiastica, da altre chiese distrutte. Poco dopo passiamo da Kalitea con le case pittoresche e i cortili verdegianti fioriti.

Sculicado succede a Kalitea. Questo villaggio ha una lunga tradizione a un tipo di teatro popolare, le cosidette "Omilies" che si scrivono da scrittori ignoti con talento. In spazi aperti attori per diletto, recitano satireggiando con esagerazione i fatti della società di Zante.

Santa Marina ci attende pochi chilometri più in là, con l’omonima chiesa eretta nel 1835, la  quale è un monumento sotto protezione. Έ un basilica senza cupola a forma di croce.

Molto vicino potreste visitare anche il straordinario "Museo della storia narurale Helmis" il quale ospita collezioni di flora e di fauna con oltre 1500 esemplari, dalla natura dell’isola (aperto 9.00-18.00).

Tenete presente che se si vuole visitarlo si deve aggiungere alla durata della gita almeno mezzà ora. Aghii Pantes, Fioliti, Lagadakia e Vughiato, sono i borghi seguenti che visitiamo, navigando sempre in un mare di oliveti completamente verde al fine di arrivare a Macherado, il quale si estende in una pianura fertile. Ci fermiamo 10 minuti. La chiesa dedicata a Santa Mavra, è in stile di basilica ad una navata con una torre campanaria eccezionale, di pietra scolpita, con le campane veneziane, famose per il loro suono dolce e melodioso che si sentono in tutta l’isola.

L’ultimo luogo degno di essere visitato è il Monastero di suore di Elefterotria. Έ rivestito di pietra scolpita. Dà l’impressione di una fortezza. Qui hanno posto soltanto il silenzio e l’ammirazione (15 minuti di sosta). Dopo torniamo in città, percorrendo 11 chilometri tra i campi.

GITA MEDIA (2) (ZACINTO OCCIDENTALE - MERIDIONALE)

DURATA: 3,15’
TAPPE: 4 (0,45)
COSTO: 40€ per ora

CITTA DI ZANTE -> BOHALI -> MACHERADO -> LITHAKIA -> AGALAS -> KERI -> PHAROS KERIOU -> KERI LAKE -> AGHIOS SOSTIS -> LAGANAS -> KALAMAKI -> CITTA DI ZANTE.

Questa escursione vi da l’opportunita di esplorare la parte occidentale e meridionale dell’isola estremamente interessante.

Iniziando sempre dalla città di Zante, facciamo una prima visita al pittoresco sobborgo di Bocali che domina sopra la città. Una sosta di 15 minuti ci darà l’occasione di ammirare il  panorama splendido che si apre davanti a noi si perde nel mare Ionio. Dopo di che, avermo direzione verso il centro della campagna dell’isola per visitare il villaggio di Macherado. Ci fermiamo proprio presso la chiesa di Santa Mavra per 10 minuti.

Έ una basilica con un interno mirabile bruciato pochi anni fa, il quale ora è restaurato. Le campane veneziane del suo capanile fatto di pietra scolpita sono famose per il loro suono melodioso e si dice che si sentono in tutta l’isola.

Lithakia è il paese successivo ai piedi del Monte grande. Presenta qualche vecchio palazzo e un centro culturale per la protezione della tartaruga marina "caretta-caretta".

Keri Beach

Da qui, cominciamo una salita in un luogo montuoso verdeggiante che ci porta ad Agalas. Un villaggio tradizionale con un punto di vista sull’Ionio azzuro. Facciamo un sosta di 10 minuti. Dopo marciando tra boschi di pini, oliveti e cespugli selvatici, ci indirizziamo verso Keri. Έ un villaggio proprio bello, completamente diverso da quelli che abbiamo visto finora. Prima di entrare in villaggio, passiamo dalla chiesa della "Madonna Keriotissa", fondata nel 1745 sulla posizione che fu trovata la sua icona miracolosa. Έ in stile rinascimentale con l’iconostasi barocco. Mediante le viuzze del paese terminiamo al Faro di Keri che sovrasta la località sui 300 metri sopra il mare. La vista taglia il fiato. L’azzuro dell’Ionio si confonde con l’ orizzonte. A sinistra due scogli enormi si emergono dall’ acqua cristallina per fare parte dello spettacolo. Sono le cosidette "Misithres"

Qui davvero non si sa cosa ammirare per primo da questa  scena naturale. A sinistra del Faro, sta la bandiera greca più grande al mondo (Record Guiness).

Keri LightHouse

Ora torniamo alla via principale e lasciando Keri, scendiamo tra bosci di pini godendo la vista serena di una baia con un porticciolo pittoresco e un piccolo borgo. Siamo a Limni Keri. Il mare e la località tutt’intorno danno l’impressione di un lago calmo. Di fronte l’isoletta di Maratonissi. Inoltre, Keri è il luogo più frequentato dagli italiani i quali sanno bene che qui la pesca è un piacere!

Dopo ci rechiamo alla costa di Litakia e in concretto ad Aghios Sostis cioè (in greco) San Salvatore. Questa  isoletta vicinissima alla costa, nel passato era unita a Zacinto ma il terremoto del 1633 l’ha separata dalla costa. Il suo nome si deve alla chiesetta di "San Salvatrore" che ci sta dal XIV secolo.

Poi proseguiamo verso Laganas con la sua immensa spiaggia cosmopolita. Una delle maggiori in Grecia. Questo golfo è la casa della tartaruga "caretta-caretta", datto che alle isolette di fronte, Peluso e Maratonissi si rifuggia per deporre sulla spiaggia le uova.

Il nostro giro si termina nella città di Zante passando dal borgo turistico di Kalamaki.

GITA LUNGA
(VILLAGGI MONTUOSI TRADIZIONALI - COSTA SETTENTRIONALE - ORIENTALE)

DURATA: 4,05’
TAPPE: 7 (1,15’)
COSTO: 40€ per ora

CITTA DI ZANTE -> MAHERADO-> MONASTERO DI ELEFTHEROTRIA-> KOILIOMENO-> SAN LEONE-> KAMBI-> SCHISA-> EXO CORA-> MARIES-> MONASTERO DI ANAFONITRIA-> MONASTERO DI SAN GEORGIO GREMNON-> NAVAGIO (RELITTO)-> VOLIMES-> FARO SCHINARI-> SAN NICOLA-> MAKRIS YIALOS-> XIGHIA-> MONASTERO DI SAN GIOVANNI BAPTISTA-> KATASTARI-> SAN DEMETRIO-> SAN KIRIKAS-> VANATO-> CITTA DI ZANTE

women’s MONASTERO DI Eleftherotrias Zakynthos Mahairado

In questo percorso visiteremo i villaggi montuosi tradizionali e la costa ripida occidentale dell’isola, ma anche una parte della costa orientale.

Partiamo dalla città e visitiamo prima Macherado con la sua chiesa in mezzo agli oliveti e ai vigneti. Έ dedicata in onore di "Santa Mavra". Έ una basilica mentre il suo campanile è di pietra scolpita. Le sue campane veneziane sono melodiose e si sentono in tutta l’isola. Dopo un intervallo di 10 minuti, cominciamo a salire sul monte Vrachionas. Subito dopo vediamo il Monastero di suore di Elefterotria che assomigia a una fortezza ed è rivestito di pietra scolpita. Trascorsi 6 Km, ecco Kiliomeno con le sue casa di pietra. Ammiriamo la chiesa di "San Nicola" nella piazza e la sua torre campanaria che è una notevole costruzione del 1893 fatta di pietra scolpita.

Il villaggio successivo deve il suo nome a San Leone, vescovo di Catania, l’icona del quale c’è nella chiesa pittoresca che risale al XIV secolo. Poco dopo giriamo a sinistra per il paese di Cabi con le case vecchie, circondato da una piccola pianura di vigneti e olivi, che finisce sull’orlo del precipizio della costa rocciosa occidentale. Ci dirigiamo al punto più elevato che è Skisa. C’è una croce grande di marmo, in memoria delle vittime della guerra civile. La veduta è irresistibile guardando giù, la costa ripida e le colorazioni splendide del mare. Ci fermiamo 10 minuti. In seguito arriviamo a Exocora. Nella sua piazza c’è un platano enorme di 130 anni e di fornte la basilica di "San Nicola" eretta nel 1700. L’aria fresca e il timo aromatico rinnovano il nostro umore e continuiamo per il villaggio Maries. Un grande villaggio montuoso con vecchie case di pietra.

La sua chiesa è dedicata a Maria Maddalena la quale secondo la tradizione andando a Roma, si fermò qui per predicare il cristianesimo. Έ una basilica a tre navate e risale al XV secolo. Contiene considerevoli opere d’arte.

Poi giungiamo ad Anafonitria e al Monastero storico di Teotocu, in cui fu monaco il patrono dell’isola San Dionisio. Qui una volta si rifugiò l’assassino di suo fratello. Il Santo lo perdonò e lo condusse a scappare a Cefalonia.

Monastery of Agios Georgios Gremnon

La torre mediovale del XV secolo, la chiesetta con la preziosa icona bizantina della Madonna che fu trasportata dopo la caduta di Costantinopoli nel 1453 e la cella dello Santo, valgono la nostra attenzione per 15 minuti.
Ora entriamo nel villaggio e poi facciamo un percorso cespugliato tra pinete e amaranti e ci rechiamo al luogo incantevole del Monastero di San Giorgio Gremnon eretto nel 1540. Fu il monstero più notevole dell’epoca.

Navagio Shipwrecks - Volimes ZakynthosRiprendiamo l’arteria centrale e terminiamo a un altopianno dove c’è un palco su cui si può salire e ammirare la costa del Navaghio (relitto). La spiaggia plurifotografata, esotica che è diventata l’emblema rappresentativo di Zacinto ma anche della Grecia in tutto il pianeta! Godete il quadro straordinario della natura sotto i vostri piedi. Scattate delle foto salendo sul palco con il fiato tagliato!

Ora ci indirizziamo a Volimes. Questo villaggio si forma da 3 borghi interessanti costruiti prima del terremoto del 1953. Il villaggio è noto per i tappeti, i ricami, il formaggio e il miele che produce. Si distingue a Messo Volimes la chiesa parrocchiale di "Santa Paraskevi" risalente al 1633. Il suo interno è un’opera d’arte.

Da qui la strada ci conduce a Koriti e dopo al promontorio di Schinari l’estremità settentrio dell’isola nale . Il Faro la zona intorno, ma anche la vista sul mare, compongono una scena montuosa particolare senza dubbio. Ci fermiamo per 10 minuti.

St Georgios Monastery - Volimes ZakynthosIl nostro giro sembra sterminato, però siamo sicuri che ancora non avete saziato l’isola. Perciò ci attende il porticciolo pittoresco di San Nicola. All’ entrata del golfo sta l’ isoletta omonima con le rovine del Monastero di San Nicola. L’isoletta appartiene al Vaticano.

Seguiamo la strada costiera verso il sud, la quale ci porta alla spiaggia mirabile di Makris Yalos. La sfumatura del mare è indescrivibile! Avanziamo verso Xighia una piccolissima spiaggia isolata. Dalle venature delle rocce scorre dell’acqua solfurea in abbondanza.

Segue la visita al Monastero di San Giovanni Prodromos del XVII secolo avendo un panorama verso la baia di Alikes, Katastari è il villaggio maggiore di Zacinto e lo attraversiamo un pò più giù. L’acqua abbondante sotteranea, giustifica i suoi oliveti immensi. Alla fine della nostra gita torniamo nella città di Zante facendo un percorso tra campi fertili e incontriamo i villaggi: San Demetrio, San Chiricas e Vanato e terminiamo nella Piazza di Solomos.

PERREGRINAZIONE SULL'ISOLA 40.00 40.00 €

 

AVVERTENZA:

Potete realizzare una gita fra queste che vi abbiamo proposto, iniziando anche dalla zona turistica in cui alloggiate senza pagare di più. Semplicemente la gita comincerà da li e al ritorno finiremo di nuovo lì.

Solo nel caso della prima gita breve, dovreste venire in città pagando il percorso, e dopo comincereste la gita paganto il suo costo.